martedì 30 settembre 2008

Bate Borisov-Juventus 2-2, Champions League 2008/09: editoriale, pagelle, tabellino e video dell'incontro


L'EDITORIALE DI BATE BORISOV-JUVENTUS 2-2

La Juventus non va oltre un pari contro quella che da tutti è considerata la squadra materasso del girone H. In realtà, il Bate Borisov, dopo aver fatto passare le pene dell'inferno al Real Madrid, è riuscita addirittura a strappare uno storico pareggio contro la Juventus, che per i primi 30 minuti di gara è stata letteralmente sovrastata dal gioco dei bielorussi.
Lenti, impacciati, poco concentrati, i bianconeri hanno fatto inorridire i propri tifosi con una mezz'ora da censura dittatoriale. Mai nel vivo del gioco, gli uomini di Ranieri hanno preso due gol rischiando di prenderne altri due, senza mai rendersi pericolosi dalle parti della porta avversaria.
L'incantesimo da maledizione della prima luna viene al 29', quando Iaquinta, superbamente servito da un cross di Giovinco, riesce a depositare il pallone in rete con un bel colpo di testa. Da qui in avanti, la Juventus cambia marcia e mette sul campo il proprio peso tecnico, chiudendo il primo tempo con il gol del 2-2: Giovinco, in contropiede, serve ancora Iaquinta che batte Veremko stavolta di piede.
La ripresa conferma la superiorità della Juventus, grazie anche all'ingresso di Marchisio per uno spento Camoranesi, ma il Bate Borisov resta arcigno e sempre pronto ad impensierire la retroguardia bianconera. Sta di fatto, che la Juventus non riuscirà più a perforare la strenua difesa dei gialloblu, nonostante l'ingresso in campo di Amauri, seppur entrato troppo tardi per poter incidere (all'80'...).


I RISULTATI DEL GIRONE H

Zenit San Pietroburgo-Real Madrid 1-2
Bate Borisov-Juventus 2-2


LA CLASSIFICA DEL GIRONE H


Real Madrid 6
Juventus 4
Bate Borisov 1
Zenit San Pietroburgo 0


LE PAGELLE DI BATE BORISOV-JUVENTUS 2-2

(clicca sull'immagine per ingrandire)

IL TABELLINO DI BATE BORISOV-JUVENTUS 2-2

BATE BORISOV-JUVENTUS 2-2 (2-2)
RETI: 17’ pt Kryvets, 23’ st Stasevich, 29’ pt e 48’ st Iaquinta.
BATE BORISOV: Varemko; Kazantsev, Rzhevski, Sosnovski, Yurevich; Vodolkp, Likhatorovich (25’ st Sirakov); Nekhaychin (38’ st Mirchev), Kyvets, Stasevich; Rodionov (22’ st Pecha). A disposizione: Gutor, Sakahrov, Skavysh, Bliznyuk. All. Goncharenko.
JUVENTUS: Manninger; Grygera, Legrottaglie (18’ pt Knezevic), Chiellini, De Ceglie; Giovinco, Camoranesi (1’ st Marchisio), Sissoko, Nedved; Del Piero, Iaquinta. A disposizione: Chimenti, Molinaro, Salihamidzic, Marchionni, Amauri. All. Ranieri.
ARBITRO: Atkinson (Inghilterra).
AMMONIZIONI: 8’ pt Nekhaychin, 26’ pt Grygera, 34’ st Kazantsev, 35’ st Sissoko, 37’ st Marchisio.

TIRI IN PORTA: 3-6
TIRI FUORI: 7-9
ASSIST: Volodko, Nekhaichik, Giovinco, Giovinco
FALLI COMMESSI: 26-19
CORNER: 4-2
FUORIGIOCO: 3-2
I PIU' FALLOSI: Chiellini, Sissoko (4 falli)


IL VIDEO DI BATE BORISOV-JUVENTUS 2-2

video

Le probabili formazioni di Bate Borisov-Juventus: Giovinco forse dall'inizio al posto di Camoranesi


Claudio Ranieri, fatti i conti con le assenze forzate di Buffon e Poulsen, ha deciso di confermare in porta Manninger e a centrocampo Marchisio.
La linea difensiva sarà formata dai titolari Grygera, Legrottaglie e Chiellini con De Ceglie al posto dello spaesato Molinaro. Sulla linea mediana del campo verrà schierato Sissoko al fianco di Marchisio, con Nedved sicuro a sinistra; notizie dell'ultim'ora danno per certa la presenza sulla fascia destra di Giovinco dall'inizio della gara, con Camoranesi in panchina.
Coppia d'attacco formata da Del Piero e Iaquinta.
Nel Bate Borisov, schierato con un solido 4-4-2, sono da tenere sott'occhio le due punte Rodionov e Blyzniuk, molto veloci e pungenti.


LE FORMAZIONI


JUVENTUS

Manninger

Grygera
Legrottaglie
Chiellini
De Ceglie

Giovinco (Camoranesi)
Marchisio
Sissoko
Nedved

Del Piero
Iaquinta

A disposizione: Chimenti, Molinaro, Knezevic, Salihamidzic, Tiago, Camoranesi, Amauri
Indisponibili: Andrade, Zebina, Zanetti, Buffon, Poulsen
Squalificati: nessuno
Diffidati: nessuno


BATE BORISOV

Veremko

Kazantsev
Sosnovski
Rzhevski
Yurevich

Sivakov
Likhatarovich
Kryvets
Stasevich

Blyzniuk
Rodionov

A disposizione: Stepanov, Khagush, Sakharov, Zahvnerchik, Volodko, Skavysh, Mirchev
Indisponibili: Ermakovich
Squalificati: Khagush
Diffidati: nessuno

lunedì 29 settembre 2008

Claudio Ranieri criticato dai tifosi. Voi come la pensate?

Leggo, soprattutto sui forum dedicati alla Juventus, che una buona parte della tifoseria sta prendendo una dura posizione nei confronti di Claudio Ranieri.
L'allenatore romano non è visto, da questa frangia sempre più numerosa di tifosi bianconeri, adatto a guidare la Juventus. Gli viene dato del perdente, del difensivista, del casinista, quando non dell'incapace. E così giù discussioni al veleno, giudizi spietati e sondaggi su "chi volete come prossimo allenatore della Juventus?".

Personalmente trovo queste critiche arroganti ed un po' meschine, decisamente fuori luogo. E' vero, la Juventus non ha avuto un inizio di stagione molto brillante, il gioco messo in mostra stenta a decollare e l'attacco non riesce a garantire un apporto adeguato ai nomi che lo compongono.
Però, prima di criticare così scempiamente il lavoro di Ranieri, occorre avere una visione imparziale di quelli che sono stati i risultati fino ad oggi della Juve.
Partiamo dall'inizio, e cioè da quando Ranieri è subentrato a Didier Deschamps, nella scorsa stagione, per arrivare fino alla situazione odierna. Ecco quello che ha "combinato":

- nel campionato di Serie A 2007/2008 la Juventus si è piazzata terza in classifica, conquistando un posto in Champions League da neopromossa;

- nel campionato di Serie A 2007/2008 la Juventus è stata la squadra con il miglior attacco e con la seconda miglior difesa;

- la Juventus ha vinto la classifica marcatori della Serie A 2007/2008 piazzando nei primi due posti due suoi giocatori: Del Piero (21 gol) e Trezeguet (20 gol);

- nel campionato di Serie A 2007/2008 la Juventus non ha mai perso uno scontro diretto;

- nel campionato di Serie A 2007/2008 la Juventus è stata l'unica squadra ad aver battuto l'Inter a Milano;

- nel campionato di Serie A 2008/2009 la Juventus è l'unica squadra, insieme al Napoli, a non aver ancora subito sconfitte;

- nel campionato di Serie A 2008/2009 la Juventus è a soltanto 1 punto di distanza dall'Inter dello "Special One" Mourinho;

- nella Champions League 2008/2009 la Juventus è a punteggio pieno e guida insieme al Real madrid il girone H.


Questi sono i dati ad oggi. Si può discutere e parlare a volontà, ma i dati e i numeri sono elementi inconfutabili ed indiscutibili.
E' ovvio che Ranieri non può permettersi di vivere sugli allori e che deve continuare ad impegnarsi, ma non vi sembra che sia ancora un tantino presto per metterlo alla porta?

Tutto su Bate Borisov-Juventus: arbitro, diretta TV, precedenti e convocati


L'ARBITRO DI BATE BORISOV-JUVENTUS

Sarà l'inglese Martin Atkinson l'arbitro di Bate Borisov-Juventus, gara della seconda giornata di andata del girone H di Champions League.
Nessun precedente in partite ufficiali con il fischietto britannico, mentre si ricorda la direzione dell'amichevole Amburgo-Juventus 3-0, nella passata edizione dell'Emirates Cup.


LA DIRETTA TV DI BATE BORISOV-JUVENTUS

Bate Borisov-Juventus sarà trasmessa in diretta TV martedì 30 settembre alle ore 20.45 da:
-Sky Sport 1 (canale 201)


I PRECEDENTI TRA BATE BORISOV-JUVENTUS

Non ci sono precedenti tra le due squadre.


I CONVOCATI DI CLAUDIO RANIERI

3 Chiellini
4 Mellberg
7 Salihamidzic
8 Amauri
9 Iaquinta
10 Del Piero
11 Nedved
12 Chimenti
13 Manninger
15 Knezevic
16 Camoranesi
19 Marchisio
20 Giovinco
21 Grygera
22 Sissoko
28 Molinaro
29 De Ceglie
30 Tiago
31 Nocchi
32 Marchionni
33 Legrottaglie

sabato 27 settembre 2008

Ancora pari! Sampdoria-Juventus 0-0: editoriale, pagelle e tabellino


L'EDITORIALE DI SAMPDORIA-JUVENTUS 0-0


La Juventus impatta ancora in un pareggio e, di quella che poteva essere una buona occasione per accorciare sull'Inter in vista del derby di Milano, rimane solo molta amarezza. Amarezza per aver giocato mediocramente una gara contro un avversario difficile da affrontare, ma pur sempre alla portata di una squadra che pretende di lottare per lo scudetto.
Il match contro la Sampdoria ha evidenziato i limiti di gioco della Juventus che, se non ha in giornata i suoi campioni, fa fatica a trovare il bandolo della matassa. Nel computo finale della partita si conta solo un'occasione vera da gol, che è capitata sui piedi di Del Piero; sfortunata la sua conclusione che, come accade spesso in questo primo scorcio di stagione, è andata ad incocciare contro il palo della porta avversaria. Per il resto, buio pesto per tutti gli altri minuti dell'incontro, con le due compagini che si sono annullate a vicenda.
Quello che è emerso, stasera, è la difficoltà che la Juventus incontra nel momento in cui affronta avversari che schierano un centrocampo folto: erano 5 i centrocampisti nel pareggio col Catania, ed erano 5 anche quelli schierati oggi da Mazzarri. Probabilmente, chi conosce la Juventus e il suo gioco ha capito che la chiave per fare scacco matto ai bianconeri è quella di annullare gli spazi nella zona mediana del campo: poco spazio per ragionare significa un'infinità di passaggi sbagliati da parte dei mediani della Juventus, che non hanno caratteristiche eccelse nell'impostazione dell'azione. E se si incappa in un Camoranesi in giornata no, l'esito dell'incontro è già scontato.
Sterilità d'attacco e pochissime azioni ficcanti, dunque, rendono il bicchiere mezzo vuoto, ma la parte piena risponde ad una difesa molto difficile da superare, se pensiamo che la Juventus nelle 7 partite ufficiali fin qui giocate ha subito soltanto 3 gol: in cifre, fanno 0,4 gol a partita, nonostante i noti problemi fisici di Legrottaglie e Buffon.
Non ci resta che sperare nell'esplosione del nostro attacco che, sulla carta, è uno dei migliori al mondo.


LE PAGELLE E I NUMERI DI SAMPDORIA-JUVENTUS 0-0


(clicca sull'immagine per ingrandire)

IL TABELLINO DI SAMPDORIA-JUVENTUS 0-0

SAMPDORIA-JUVENTUS 0-0
SAMPDORIA: Mirante; Lucchini (35’ st Bottinelli), Gastaldello, Accardi; Stankevicius, Sammarco, Palombo (30’ st Dessena), Franceschini, Pieri; Delvecchio (43' st Bonazzoli); Cassano. A disposizione: Castellazzi, Ziegler, Padalino, Fornaroli. All. Mazzarri.
JUVENTUS: Manninger; Grygera, Mellberg, Chiellini, Molinaro; Camoranesi, Sissoko, Poulsen, Nedved; Amauri, Del Piero (29’ st Iaquinta). A disposizione: Chimenti, Knezevic, De Ceglie, Salihamidzic, Tiago, Giovinco. All. Ranieri.
ARBITRO: Rizzoli di Bologna.
AMMONITI: 3’ pt Gastaldello, 21’ pt Lucchini, 10’ st Mellberg, 26’ st Camoranesi.

TIRI IN PORTA: 2-3
TIRI FUORI: 5-4
PALI: Del Piero
FALLI COMMESSI: 13-23
CORNER: 11-2
FUORIGIOCO: 5-0
I PIU' FALLOSI: Camoranesi, Sissoko (5 falli)

Le probabili formazioni di Sampdoria-Juventus: Sissoko titolare, Del Piero e Giovinco in panchina. Forfait per Legrottaglie


SAMPDORIA

Ballottaggio

Bottinelli 55% Gastaldello 45%
Ziegler 60% Pieri 40%

A disposizione: Castellazzi, Gastaldello, Pieri, Padalino, Dessena, Bonazzoli, Fornaroli
Indisponibili: Campagnaro
Squalificati: nessuno
Diffidati: nessuno


JUVENTUS

Ballottaggio

Nedved 80% Giovinco 20%
Camoranesi 70% Salihamidzic 30%
Amauri 60% Del Piero 40%

A disposizione: Chimenti, Knezevic, Molinaro, Marchisio, Salihamidzic, Giovinco, Del Piero
Indisponibili: Andrade, Zanetti, Zebina, Trezeguet, Buffon, Legrottaglie
Squalificati: nessuno
Diffidati: nessuno


In attesa di Sampdoria-Juventus, vi indico qualche bel video da guardare:

1) Gianluca Vialli Capitano: servizio di Sky sui più bei momenti di Vialli con la maglia della Sampdoria e della Juventus

2) Le news prima di Sampdoria-Juventus: Sky Sport 24 lancia il notiziario sulla Juventus alla vigilia della sfida contro la Sampdoria

3) I numeri di Giovinco contro il Catania: la voce di Mughini accompagna le magie del giovane talento bianconero

venerdì 26 settembre 2008

Tutto su Sampdoria-Juventus: arbitro, diretta TV, precedenti, convocati, video ultimo incontro


L'ARBITRO DI SAMPDORIA-JUVENTUS

Sarà Nicola Rizzoli di Bologna l'arbitro di Sampdoria-Juventus. Poche le vittorie della Juventus con il fischietto romagnolo (soltanto una) e molti pareggi. Vediamo se contro la Samp si riuscirà ad infoltire il computo delle vittorie.

I precedenti di Rizzoli con la Juventus: 5
Vittorie: 1 (Arezzo-Juventus 1-5 2006/2007)
Pareggi: 4 (Napoli-Juventus 1-1 2006/2007, Fiorentina-Juventus 1-1 2007/2008, Juventus-Torino 0-0 2007/2008, Empoli-Juventus 0-0 2007/2008)


LA DIRETTA TV DI SAMPDORIA-JUVENTUS

Sampdoria-Juventus sarà trasmessa in diretta TV sabato 27 settembre alle ore 18 da:
- Sky Calcio 1 (canale 251)
- Sky Sport 16:9 (canale 206)
- Sky Sport HD1 (canale 207)


I PRECEDENTI TRA SAMPDORIA-JUVENTUS


GARE

VITTORIE
JUVENTUS

PARI

VITTORIE
SAMPDORIA

Serie A TORINO

51

31

16

4

Serie A GENOVA

51

18

16

17

Coppa
Italia

9

8

--

1

TOTALI

111

57

32

22



GLI ULTIMI RISULTATI A GENOVA

Ultima vittoria Juventus
04.03.2006 Serie A 2005/06 – 9a giornata di ritorno
SAMPDORIA-JUVENTUS 0-1
Marcatori: 24' st Nedved
Arbitro: Trefoloni

Ultimo pareggio
17.05.2008 Serie A 2007/08 – 19a giornata di ritorno
SAMPDORIA-JUVENTUS 3-3
Marcatori: 7’ pt e 20’ st rig. Del Piero, 15’ pt rig. Trezeguet, 22’ pt Cassano, 39’ pt Maggio, 35’ st Montella.
Arbitro: Valeri

Ultima vittoria della Sampdoria
10.12.1995 Serie A 1995/96 – 13a giornata d'andata
SAMPDORIA-JUVENTUS 2-0
Marcatori: 41' pt e 8' st Chiesa
Arbitro: Boggi


I CONVOCATI DI CLAUDIO RANIERI

3 Chiellini
4 Mellberg
7 Salihamidzic
8 Amauri
9 Iaquinta
10 Del Piero
11 Nedved
12 Chimenti
13 Manninger
15 Knezevic
16 Camoranesi
18 Poulsen
19 Marchisio
20 Giovinco
21 Grygera
22 Sissoko
27 Ekdal
28 Molinaro
29 De Ceglie
30 Tiago
31 Nocchi
32 Marchionni


VIDEO SAMPDORIA-JUVENTUS 3-3 SERIE A 2007/2008

video

giovedì 25 settembre 2008

Aspettando la Sampdoria e... il derby di Milano. Cobolli Gigli: Forza Milan!


Superata la battuta d'arresto contro il Catania, si pensa già a domenica prossima, teatro della quinta giornata di Serie A. Anzi, più che a domenica, si pensa a sabato, visto che la Juventus giocherà nell'anticipo delle 18 contro la Sampdoria di Mazzarri.
E' già prepartita, dunque, senza la possibilità di concentrarsi troppo sul pareggio di ieri sera. Una battuta l'ha rilasciata, però, il presidente della Juventus, Giovanni Cobolli Gigli:

"Peccato per ieri, non siamo riusciti a fare il 2-1, ma continuiamo con l'obiettivo di andare più avanti possibile in Champions e di puntare alla zona scudetto. Dopo tre o quattro giornate è inutile parlare di vetta della classifica. Vediamo come finisce questo mese di settembre che sapevamo essere duro".

In effetti, la Juventus ha avuto il battesimo di fuoco con un inizio stagione decisamente tosto: Fiorentina, Udinese, Zenit San Pietroburgo, Catania, per arrivare al match contro la Sampdoria, che segnerà un punto di svolta. La partita è delicatissima e i doriani non lasceranno nulla di intentato visto che sono ancora fermi a zero vittorie in campionato. Cassano e company avranno il coltello fra i denti. Ma con un Amauri e un Giovinco in queste condizioni non dobbiamo temere nulla:

"Giovinco si merita i bei voti, - dichiara il presidente - ha giocato bene come molti altri, lo voglio vedere in campo tutte le volte che lo mette Ranieri, mi sembra che abbia fatto considerazioni equilibrate, ha considerato Giovinco rientrato nella rosa dei giocatori papabili".

Qui potete vedere una video-sintesi dei numeri che Giovinco ha fatto ieri contro il Catania.

La quinta giornata, tuttavia, ha come sfida di cartello un succulento Milan-Inter, occasione d'oro per vedere una potenziale sconfitta della banda interista. Cobolli Gigli ammette:

"Per essere franco, mi toccherà fare il tifo per il Milan, è una questione di punti".

Ma non solo...

[VIDEO] Highlights Juventus-Catania 1-1, Serie A 2008/2009: Amauri stavolta non basta

video

mercoledì 24 settembre 2008

Serie A 2008/2009, Juventus-Catania 1-1: editoriale, pagelle, tabellino e moviola


L'EDITORIALE DI JUVENTUS-CATANIA 1-1


Definire stregata la partita contro il Catania è la massima espressione che il buon uso dell'italiano consenta; altrimenti, si potrebbe esagerare in un parossismo sfrenato che questa sede non contempla. Ad ogni modo, l'1-1 di stasera è qualcosa di incredibile. Mettiamola così.

Il primo tempo giocato dalla Juventus è stato sicuramente non all'altezza delle aspettative, con ampie fasi della partita in cui il foltissimo centrocampo catanese è riuscito a rimpallare i tentativi di costruzione da parte di quello bianconero. Gli uomini di Ranieri, quindi, si sono affidati soprattutto all'inventiva dei propri campioni, piuttosto che alla tessitura di azioni ben manovrate, e grazie allo spunto di due fuoriclasse, la Juventus è riuscita a portarsi in vantaggio: Giovinco, alla sua prima da titolare con la maglia della Juve, prende palla sulla sinistra del campo e con il sinistro la crossa all'interno dell'area, dove Amauri, marcato stretto da due difensori avversari, prevale con la solita strapotenza fisica e butta il pallone di testa alle spalle di Bizzarri. 1-0 e fine primo tempo.

La ripresa si apre con un Catania grintoso e deciso ad attaccare, ma il pareggio arriva soltanto grazie ad un buco difensivo di Chiellini che, non riuscendo ad intercettare un cross dalla sinistra di Tedesco, consente al neoentrato Plasmati di battere comodamente a rete. 1-1.
E' a questo punto che inizia la vera gara della Juventus. I bianconeri si gettano in avanti con una forza e una grinta che raramente ho visto negli ultimi anni, tentando in tutti i modi di raddoppiare. Salgono in cattedra Del Piero e Amauri che, assistiti da un Giovinco superbo, duettano alla meraviglia facendo venire i brividi alla difesa catanese. Ma il fato e la jella più nera si mettono di traverso, riuscendo nell'impresa di far impattare ogni sacrosanto tentativo o sui legni della porta (doppia traversa colpita nella stessa azione dalla coppia d'attacco), o sulle doti nascoste di Bizzarri, vera saracinesca prima su Del Piero e poi su Poulsen.
La manovra della Juventus è avvolgente. Gli uomini di Zenga faticano a tenere botta, ma ce la fanno a non finire al tappeto. Quando il forcing dei bianconeri è allo spasimo arriva la notizia del vantaggio a 6' minuti dalla fine dell'Inter (fino allora inchiodato sullo 0-0 contro il Lecce), e proprio in quell'istante ci si rende conto che non è serata. La partita termina 1-1.

Tralasciando il netto calcio di rigore non fischiato da Pierpaoli a Marchionni (vedere più in basso la moviola), non si esagera, stavolta come non mai, dicendo che il risultato è fasullo. A maggior ragione se si valuta il fatto che Chiellini, in quel buco difensivo, è stato ingannato da un pessimo rimbalzo del pallone, vittima delle assurde condizioni in cui il manto erboso dell'Olimpico di Torino versa.
Dall'altro lato, tuttavia, è doverosa anche una sonora autocritica per la mancanza di capacità finalizzatrici, in una partita in cui le possibilità per segnare sono state effettivamente tantissime. Non sempre, infatti, si può sperare di arrivare ai 3 punti con il minimo sforzo.


LE PAGELLE E I NUMERI DI JUVENTUS-CATANIA 1-1


(clicca sull'immagine per ingrandire)


IL TABELLINO DI JUVENTUS-CATANIA 1-1

JUVENTUS-CATANIA 1-1 (primo tempo 1-0)
MARCATORE: Amauri (J) al 16' p.t.; Plasmati (C) al 23' s.t.
JUVENTUS (4-4-2): Manninger; Grygera, Legrottaglie, Chiellini, De Ceglie; Marchionni (24' s.t. Salihamidzic), Poulsen, Marchisio (38' s.t. Tiago), Giovinco (38' s.t. Nedved); Amauri, Del Piero. (Chimenti, Knezevic, Ekdal, Iaquinta). All. Ranieri.
CATANIA (4-5-1): Bizzarri; Sardo, Silvestri, Terlizzi, Silvestre; Izco, Biagianti, Ledesma, Tedesco, Llama (1' s.t. Plasmati), Morimoto (15' s.t. Martinenz, 38' s.t. Baiocco). (Kosicky, Sabato, Stovini, Dica). All. Zenga.
ARBITRO: Pierpaoli.
NOTE: spettatori 22.053 per un incasso di 435.870 euro. Ammoniti Ledesma, Bizzarri, Silvestri. Recupero: 0' p.t. e 5' s.t.

TIRI IN PORTA: 10-4
TIRI FUORI: 7-2
ASSIST: Giovinco, Tedesco
TRAVERSE: Del Piero, Amauri
FALLI COMMESSI: 15-30
CORNER: 5-3
FUORIGIOCO: 3-3
IL PIU' FALLOSO: Ledesma (6)


LA MOVIOLA DI JUVENTUS-CATANIA 1-1

Sono 2 gli errori gravi commessi da Pierpaoli in Juventus-Catania, entrambi a sfavore dei bianconeri:
1) 57': Marchionni viene nettamente strattonato in area di rigore del Catania da Silvestri. Era rigore ma l'arbitro ha lasciato proseguire. Si era sull'1-0.
2) 91': Silvestre entra durissimo su Amauri involato a rete. Pierpaoli lo ammonisce ma era più opportuno il rosso. Si era sull'1-1.

Le probabili formazioni di Juventus-Catania: ancora molte assenze per la Juve, ma torna Del Piero. Spazio per Giovinco nella ripresa


JUVENTUS

Ballottaggio

Del Piero 60% Iaquinta 40%

A disposizione: Chimenti, Mellberg, Molinaro, Sissoko, Nedved, Giovinco, Iaquinta
Indisponibili: Andrade, Zanetti, Zebina, Camoranesi, Trezeguet, Buffon
Squalificati: nessuno
Diffidati: nessuno

Ranieri si ritrova alle prese con una squadra falcidiata dagli infortuni. Ad Andrade, ormai a rischio carriera, e Zanetti e Zebina, ancora lungodegenti per guai muscolari, si sono aggiunti tre pezzi da novanta.

1) Buffon soffre di un indolenzimento all'inguine destro e la prognosi parla di 10 giorni di stop; l'allenatore ha scelto di sostituirlo con Manninger che, dopo l'ottima prestazione contro il Cagliari, ha superato Chimenti (finalmente!) nelle gerarchie dei portieri.

2) Camoranesi ha una caviglia in disordine e, nonostante potesse scendere in campo, Ranieri ha preferito farlo riposare in vista della trasferta di Champions di martedì prossimo, contro il Bate Borisov. Prevista una sua probabile assenza anche contro la Sampdoria.
Ranieri conferma al suo posto Marchionni, uno dei migliori domenica scorsa contro il Cagliari.

3) Trezeguet starà fermo per quattro mesi. Il suo rientro è segnato a fine gennaio, quando la doppia operazione ai ginocchi avrà avuto modo di cicatrizzarsi. Coppia d'attacco formata da Amauri e Del Piero, con Giovinco pronto ad entrare nella ripresa.


CATANIA

Ballottaggio

Tedesco 60% Baiocco 40%
Silvestri 70% Sabato 30%

A disposizione: Kosicky, Sabato, Terlizzi, Izco, Baiocco, Plasmati, Martinez
Indisponibili: Spinesi, Carboni, Alvarez
Squalificati: nessuno
Diffidati: nessuno

martedì 23 settembre 2008

Tutto su Juventus-Catania: arbitro, diretta TV, precedenti, convocati, video ultimo incontro


L'ARBITRO DI JUVENTUS-CATANIA

Sarà Nicola Pierpaoli di Firenze l'arbitro di Juventus-Catania, gara che si giocherà mercoledì sera nel turno infrasettimanale previsto per recuperare lo stop dovuto alle Nazionali.

I precedenti di Pierpaoli con la Juventus: 1
Vittorie: 1 (Juventus-Verona 1-0 2006/2007)


LA DIRETTA TV DI JUVENTUS-CATANIA

Juventus-Catania sarà trasmessa in diretta TV mercoledì 24 settembre alle ore 20.30 da:
- Sky Calcio 1 (canale 251)
- Sky Sport 16:9 (canale 206)
- Sky SPort HD2 (canale 208)
...con la telecronaca di Fabio Caressa.


I PRECEDENTI TRA JUVENTUS-CATANIA


GARE

VITTORIE
JUVENTUS

PARI

VITTORIE
CATANIA

Serie A TORINO

10

7

2

1

Serie A CATANIA

10

4

3

3

Coppa
Italia

1

--

1

--

TOTALI

21

11

6

4



GLI ULTIMI RISULTATI A TORINO

Ultima vittoria della Juventus
25.03.1984 Serie A 1983/84 – 9a giornata di ritorno
JUVENTUS-CATANIA 2-0
Marcatori: 33' pt e 38' pt Scirea
Arbitro: Ballerini

Ultimo pareggio
11.05.2008 Serie A 2007/08 – 18a giornata di ritorno
JUVENTUS-CATANIA 1-1
Marcatori: 3' st Martinez, 44' st Del Piero
Arbitro: Trefoloni

Ultima vittoria del Catania
07.04.1963 Serie A 1962/63 – 11a giornata di ritorno
JUVENTUS-CATANIA 0-1
Marcatori: 33' st Milan
Arbitro: De Marchi


I CONVOCATI DI CLAUDIO RANIERI

3 Chiellini
4 Mellberg
7 Salihamidzic
8 Amauri
9 Iaquinta
10 Del Piero
11 Nedved
12 Chimenti
13 Manninger
15 Knezevic
18 Poulsen
19 Marchisio
20 Giovinco
21 Grygera
22 Sissoko
28 Molinaro
29 De Ceglie
30 Tiago
32 Marchionni
33 Legrottaglie


VIDEO JUVENTUS-CATANIA 1-1 SERIE A 2007/2008

video

domenica 21 settembre 2008

Serie A 2008/2009, Cagliari-Juventus 0-1: editoriale, pagelle e tabellino


L'EDITORIALE DI CAGLIARI-JUVENTUS 0-1

L'importante è vincere. La Juventus l'ha fatto, soffrendo.
La sofferenza abbinata alla vittoria è un marchio di fabbrica della squadra bianconera, e stavolta a farne le spese è stato il Cagliari. Sono questi i punti che, al termine del campionato, saranno decisivi: le vittorie, di misura, strappate alle squadre minori. Perché una vittoria come quella di oggi, uscita fuori da una gara assolutamente non giocata bene, fa morale e consente a giocatori e allenatore di verificare e analizzare gli errori senza il peso gravoso di un'occasione persa. Pur giocando male, la Juventus ha preso i tre punti, ed è questo quello che importa.
Certo, però, occorre anche segnalare quali sono state le mancanze di una squadra che dichiara di lottare per lo scudetto. Innanzitutto, le assenze. La Juve oggi non ha potuto contare su giocatori importanti e decisivi come Del Piero, Trezeguet, Poulsen e Camoranesi, e, per tutto il secondo tempo, su Buffon infortunatosi all'inguine).
C'è poi da sottolineare la pessima partita di Sissoko, irriconoscibile e fuori fase per tutto il match, e, ancora una volta, di Molinaro.
Ma se quella del maliano è un'eccezione alla regola che non desta preoccupazione alcuna, le continue debacle del terzino sinistro iniziano a impensierire. Molinaro non è tranquillo e, oggi, ha dato prova evidente di questo suo stato d'animo. Stop sbagliati, passaggi troppo lunghi o troppo corti e pericolosi buchi difensivi, che hanno fatto agitare anche uno calmo come Buffon, chiamano mister Ranieri a trovare una soluzione. Sarebbe opportuno dare un pò di riposo al difensore campano, senza eccessivi traumi o strattoni, e sostituirlo con De Ceglie, che ha già dimostratro di poter offrire una valida alternativa.
Ad ogni modo, la gara contro il Cagliari non è stata soltanto un insieme di fattor negativi. I tre punti, come detto, sono stati conquistati in trasferta e con molte assenze. In più, c'è la conferma di Amauri che, dopo il gol all'Udinese, si è ripetuto quest'oggi, con una prestazione di grandissimo spessore.


LE PAGELLE E I NUMERI DI CAGLIARI-JUVENTUS 0-1


(clicca sull'immagine per ingrandire)


IL TABELLINO DI CAGLIARI-JUVENTUS 0-1

CAGLIARI-JUVENTUS 0-1 (0-1)
RETI: 39’ pt Amauri.
CAGLIARI: Marchetti; Pisano, Lopez, Bianco, Agostini; Fini (17’ st Jeda), Biondini, Cossu; Parola (33’ st Lazzari); Matri, Larrivey (1’ st Acquafresca). A disposizione: Lupatelli, Astori, Matheu, Burrai. All. Allegri.
JUVENTUS: Buffon (1’ st Manninger); Salihamidzic, Mellberg, Chiellini, Molinaro; Marchionni, Sissoko (14’ st Tiago), Marchisio (29’ st De Ceglie), Nedved; Amauri, Iaquinta. A disposizione: Knezevic, Legrottaglie, Rossi, Giovinco. All. Ranieri.
ARBITRO: Brighi di Cesena.

TIRI IN PORTA: 7-6
TIRI FUORI: 3-9
ASSIST: Iaquinta
FALLI COMMESSI: 9-23
AMMONITI: 2’ st Bianco, 21’ st Marchisio.
CORNER: 3-6
FUORIGIOCO: 3-2
IL PIU' FALLOSO: Marchisio (5 falli)

 
BlogItalia.it - La directory italiana dei blog